Latte di Mandorla fatto in casa

Ciao a tutti!! Oggi vi spiego come preparo il latte di mandorla fatto in casa. Secondo me è il più buono tra i vari tipi di latte vegetale!! È il mio preferito! È naturalmente dolce, bianchissimo e delizioso. Inoltre preparandolo a crudo, mantiene intatte tutte le proprietà che con la cottura andrebbero perdute. 
Ho cominciato ad autoprodurre il latte di mandorla dopo aver visto il video di Cacao Puro
che mi ha davvero illuminata! Non pensavo che fare il latte di mandorla fosse così facile ed economico, ma soprattutto non sapevo quando fosse buono! In realtà non ho mai acquistato il latte di mandorla che si trova in commercio, ma sono sicura che tutto abbia, tranne che il sapore delle mandorle ;-)
INGREDIENTI (per 1 lt di latte):
100 gr di mandorle sgusciate 
1,2 lt di acqua fresca
3 datteri senza nocciolo o altro dolcificante a piacere (prugne secche, succo d'agave, malto di riso, zucchero di canna) io lo preferisco poco zuccherato! ;-) 

PROCEDIMENTO
Il procedimento è semplicissimo e veloce.
Lasciare in ammollo le mandorle in una ciotola riempita con acqua a temperatura ambiente (o tiepida) da 2 a 4 ore. Scolare e pelare una ad una (la buccina verrà via facilmente). Trasferire le mandorle in un frullatore, aggiungere i datteri, 200 ml di acqua fresca e frullare. Io frullo il tutto per 3 volte, con una pausa di 1 minuto tra una frullata e l'altra. Preparare una caraffa o una bottiglia sterilizzata e filtrare la polpa di mandorle tritate facendola passare attraverso un colino a maglie fitte ricoperto da un tovagliolo di cotone bianco (lavato con un detersivo ecobio e sterilizzato in acqua e aceto). Aggiungere, mano, mano la restante acqua (ovvero 1 litro) fino a riempire la bottiglia. Prima di riempire tutta la bottiglia fermatevi a circa 3/4, quindi fate un fagotto con il tovagliolo e strizzate bene per far uscire quanto più "latte" possibile dalla polpa delle mandorle. Il latte è praticamente pronto! Chiudere la bottiglia e porla in frigo per qualche ora prima di consumarlo. Se non volete dolcificarlo con i datteri dovete aggiungere un dolcificante prima di riporre la bottiglia. Agitare bene il latte prima dell'uso, in quanto la parte grassa si scinde dalla parte d'acqua e per unirle nuovamente basterà agitare la bottiglia. Il latte si mantiene in frigo per 4-5 giorni.

Esiste un metodo alternativo per preparare il latte di mandorla, che prevede la cottura delle stesse in acqua, per circa 40 minuti. Dopodiché si procede come descritto sopra, ovvero si frulla e si filtra.

È ottimo da consumare freddo per colazione o merenda e come sostituto del latte di soia per la preparazione di dolci e dessert.
NOTE: Preferire le mandorle sgusciate (quelle con la buccina marrone) a quelle pelate, in modo da essere più sicuri che queste non siano state trattate chimicamente, pastorizzate e/o trattate con anidride solforosa. Le mandorle sono ricche di acidi grassi insaturi, proteine, zuccheri, vitamine del gruppo B, vitamina E, sali minerali tra cui calcio, potassio, magnesio, fosforo e zinco.
(www.noberasco1908.it)


Veglife Channel

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Instagram