Ammollo dei cereali integrali: come e perché è importante farlo

Cos'è l'ammollo dei cereali? A cosa serve? Perché è importante farlo? Come farlo nel modo corretto? Scoprilo in questo articolo dedicato all'ammollo dei cereali integrali.

Contenuti

Cos’è l’ammollo dei cereali?

L’ammollo dei cereali è una pratica che consiste nel mettere in ammollo in acqua i cereali integrali in chicco per un tempo variabile prima di essere cotti e consumati.

Mentre l’ammollo dei legumi è una pratica nota e obbligatoria, quella dell’ammollo dei cereali integrali è ancora poco conosciuta.

Infatti non tutti sanno che anche i cereali integrali come frumento, farro, aveva, riso, orzo, miglio e segale e gli pseudo cereali come amaranto, grano saraceno e quinoa, dovrebbero essere messi in ammollo prima di essere consumati.

L’ammollo dei cereali diciamo che è facoltativo rispetto a quello dei legumi, in quanto a differenza di questi ultimi, possono essere consumati lo stesso, anche se non ammollati, ma è altamente consigliato farlo se non vogliamo avere stanchezza, gambe pesanti, mal di testa e gonfiore addominale.

Ma a cosa serve l’ammollo dei cereali e perché è così importante farlo?

I cereali integrali contengono acido fisico, un anti-nutriente che forma composti insolubili, i fitati, con numerosi elementi minerali che non vengono assorbiti dall’intestino, ma eliminati attraverso le feci, questi non permettono al nostro organismo di assorbire i minerali, che per effetto chelante, si legano a quelli presenti nel corpo sottraendoli.

gli pseudo cereali invece devono essere ammollati perché contengono saponine, un fitochimico naturale, anch’esso considerato un antintirnete, che conferisce ai semi un sapore amaro e può creare problemi gastrointestinali.

I cereali raffinati non necessitano di ammollo in quanto l’acido fitico in essi contenuto è praticamente assente.

L’acido fisico viene quasi del tutto eliminato con l’ammollo prolungato, che ne attiva la germinazione, e la successiva cottura del cereale.

Come procedere con l’ammollo dei cereali integrali

L’ammollo dei cereali integrali deve essere fatto in acqua a temperatura ambiente (20-30°) o acqua tiepida (40-45°) per un tempo che va dalle 8 alle 48 ore, i tempi possono variare in base alla durezza del seme e alla temperatura esterna.

L’ acqua deve essere cambiata dopo 6-8 ore e deve essere sempre gettata, perché contiene sostanze nocive e va sostituita con acqua pulita per la cottura.

L’acqua di ammollo dovrebbe avere un ph leggermente acido (tra 5.0 e 6.0), questo permette di neutralizzare dal 30% al 100% di acido fitico presente nei cereali.

Basterà aggiungere nell’ acqua di ammollo una sostanza acida che favorisca la fuoriuscita dei fitati, ovvero un cucchiaio di succo di limone o aceto di mele ogni kg di cereali. Attenzione a non esagerare altrimenti la buccia rimarrà dura.

Cottura dei cereali ammollati

L’ammollo dei cereali integrali non solo favorisce l’eliminazione dell’acido fisico, ma velocizza anche i tempi di cottura del cereale di circa 1/3.

Prima della cottura, è bene sciacquare accuratamente i cereali integrali ed eliminare i chicchi che galleggiano perché privi di sostanze nutritive.

Una volta ammollati i cereali la proporzione acqua-liquido non sarà più quella indicata sulle confezioni degli stessi, ma andrà ridotta di circa 1/4, in quanto i cereali avranno assorbito dell’acqua durante l’ammollo.

Scopri come cucinare i cereali integrali e gli pseudocereali

Come cucinare il riso al vapore

Come cucinare la quinoa

Come cucinare l’amaranto

Come cucinare il grano saraceno

Come cucinare il miglio

Considerazioni finali

Se dopo aver letto questo articolo pensi ancora che l’ammollo dei cereali sia una pratica superflua o facoltativa, fai una prova: consuma una porzione di cereali ammollati ed una di cereali non ammollati e sentirai la differenza, soprattutto a livello di digeribilità!

Tante persone lamentano il fatto di non riuscire a consumare i cereali integrali perché li gonfiano o non li digeriscono, il motivo è proprio dovuto al mancato ammollo e alla presenza dei fitati.

Può sembrare una scocciatura in più dover ammollare i cereali prima di cucinarli, ma ti assicuro che è solo una questione di abitudine e poi risulterà tutto molto naturale e semplice.

Ti consiglio pertanto di mettere in ammollo un bel quantitativo di cereali, cucinarli e tenerli in frigo o in freezer pronti all’occorrenza!

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Se questo articolo ti è piaciuto e lo hai trovato interessante, non dimenticarti di farmi sapere che cosa ne pensi lasciandomi un commento!

Condividi l’articolo con tutte le persone a cui potrebbe interessare e taggami su Facebook e Instagram @veglifechannel utilizzando l’hashtag #veglifechannel

Ti è piaciuta la ricetta?

Se provi questa o qualsiasi altra mia ricetta presente sul blog, fammi sapere che cosa ne pensi lasciandomi un commento!
Condividi la ricetta con tutte le persone a cui potrebbe interessare e taggami su Facebook e Instagram @veglifechannel utilizzando l’hashtag #veglifechannel

Scarica GRATIS
il mio ebook

Le mie ricette salvacena:
Ebook gratuito con 14 ricette facili e veloci ideali per i tuoi pasti quotidiani.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Valeria - Veglife Channel

Valeria - Veglife Channel

Chef e pasticciera di cucina vegetale, condivido ricette 100% vegetali, senza glutine e senza lievito, sane, colorate e golose. La mia missione? Far venire fame alle persone!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ciao sono Valeria,
chef e pasticciera di cucina vegetale

–> continua a leggere la mia storia…

Forse potrebbe interessarti anche:

Carrello
Torna su