Olio di cocco: proprietà, benefici e usi

Ciao a tutti! Nuovo articolo di approfondimento, infatti dopo avervi parlato dei semi di chia e dello zucchero di cocco, in questo post voglio parlarvi dell'olio di cocco, delle sue proprietà dei suoi benefici e dei mille usi che se ne possono fare, in cucina e non solo!
Scopriamo subito i dettagli di questo prodotto così versatile!

Proprietà e benefici

L'olio di cocco viene ricavato dalla polpa essiccata delle noci della palma di cocco, originaria delle zone tropicali. Si tratta di un olio vegetale, che si presenta liquido a temperature superiori ai 22° e solido a temperature inferiori ai 22°.
L'olio di cocco è ricco di acidi grassi saturi a catena media, che però non influenzano negativamente i livelli di colesterolo nel sangue.
Gli acidi grassi presenti nell'olio di cocco sono: l'acido laurico, l'acido miristico, l'acido caproico, l'acido oleico, l'acido palmitico e l'acido stearico.
In commercio esistono diversi tipi di olio di cocco: c'è l'olio di cocco extravergine, che è il migliore in quanto non ha subito nessun processo di raffinazione e mantiene inalterate tutte le sue proprietà, l' unico "difetto" è il sapore che è piuttosto marcato e non si presta bene per tutte le preparazioni; poi c'è l'olio di cocco raffinato, che viene deodorato ed è più adatto per cucinare.
L'olio di cocco è molto utile nella cucina vegetale per sostituire il burro e la margarina.
L'olio di cocco è ottimo per cuocere in quanto non modifica la sua struttura con le alte temperature, ha un elevato punto di fumo e non rilascia sostanze nocive con il calore.
Ecco alcuni benefici dell'olio di cocco: riduce il senso di fame, bilancia gli ormoni, aiuta ad aumentare il metabolismo, previene i danni alle arterie e al cuore, aumenta le difese immunitarie, è anti batterico, anti fungino, anti parassitario e antinfiammatorio.

Dose giornaliera

Non esiste una dose giornaliera raccomandata, ma trattandosi di un alimento ricco di grassi saturi è bene non superare i 2-3 cucchiai al giorno.

Come consumarlo

L'olio di cocco può essere consumato tale e quale (a crudo) e aggiunto a frullati e porridge o utilizzato per cuocere e preparare cibi sia dolci che salati.

Usi in cucina

In cucina si può utilizzare, come detto prima, per preparare frullati, porridge o come condimento a crudo, cotto si usa per per pancakes e dolci da forno, ma anche come base per soffritti e per saltare le verdur. È ideale per sostituire il burro e la margarina.

Uso cosmetico

L'olio di cocco è ampiamente utilizzato anche nell'industria cosmetica.
In casa possiamo utilizzarlo per preparare scrub (viso e corpo) e impacchi nutrienti per capelli, come dentifricio per sbiancare e pulire i denti, per fare l'oil pulling, come olio idratante per il corpo e come doposole.

Conservazione

L'olio di cocco va conservato nel proprio barattolo e posto in dispensa, dove si manterrà bene per diversi mesi. In estate se fa particolarmente caldo, è preferibile conservarlo in frigorifero, tenendo però presente che si solidificherà.

Dove acquistarlo

L'olio di cocco è un po' costoso, potete acquistarlo nei negozi di alimentazione biologica e in alcuni supermercati. Potete trovare olio di cocco extravergine di qualità e ad un ottimo prezzo sul sito Bulk Powders.
Nei negozi asiatici potete trovare l'olio di cocco raffinato e deodorato, più indicato per cucinare, ma meno salutare.

SCONTO DEL -25% PER IL TUO PRIMO ACQUISTO SUL SITO BULK POWDERS UTILIZZANDO IL CODICE: VALERIA
(Escluso pacchetti e prodotti già in offerta)

RICETTE CONSIGLIATE

Barrette ai cereali fatte in casa
Mini red velvet cake
Palline energetiche vegan
Pancakes proteici con farina di quinoa
Pancakes proteici fit
Torta delle rose
Waffles d'avena con banana e burro di mandorle

Spero che questo articolo vi sia piaciuto e che possa esservi utile!

Alla prossima

Valeria - Veglife Channel
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Instagram